Rapunzel al Brancaccio fino al 18 gennaio 2015

Dal 18 dicembre 2014 la fiaba di Rapunzel è al Teatro Brancaccio di Roma, fino al 18 di gennaio 2015. 

Raperonzolo è Alessandra Ferrari, che ha al suo attivo il ruolo protagonista di Esmeralda in “Notre Dame de Paris” e di Giulietta in “Giulietta e Romeo” di Riccardo Cocciante, il principe è Giulio Corso, mentre il ruolo della cattiva Madre Gothel è interpretato dalla bravissima Lorella Cuccarini.

Il musical è liberamente ispirato alla favola dei fratelli Grimm: una Strega cattiva in cambio della libertà di un uomo, che le aveva rubato dei raperonzoli per la moglie incinta, gli chiede il primogenito. Nata la bimba la stragala porta via e la chiama Raperonzolo. Compiuti dodici anni, la rinchiude in una torre con una finestra e quando vuole farle visista, Raperonzolo scioglie le trecce e la fa arrampicare. Un principe vede Raperonzolo e se ne innamora, ma non sa come raggiungerla. Un giorno vede la maga salire sulla torre e capisce. I giovani si innamorarono e vivono felici, finchè la maga li scopre, taglia le trecce a Raperonzolo e la abbandona in un deserto con i figli. Lega le trecce tagliate al contrafforte della finestra e mentre il principe cerca di arrampicarsi cade e perde la vista. Triste vaga nel buio fino a quando riconosce la voce Raperonzolo e quando anch’ella lo riconosce le sue lacrime  inumidiscono gli occhi del principe che riacquista la vista.

E’ l’eterna lotta tra eroi positivi alla ricerca della loro strada e quelli negativi che per egoismo o paura ostacolano i cambiamenti.

 

Capodanno a Roma è all’insegna del sorriso

Capodanno con il botto in tutti i sensi! Roma saluta il 2014 e accoglie il 2015 con esibizioni che vedono protagonisti famosi comici italiani.

Al palazzo dei Congressi di Roma, dopo una cena a buffet alle ore 20.30 il comico romano Enrico Brignano alle ore 23.00 rallegrerà i presenti fino al brindisi di mezzanotte, per passare il testimone alle 00.30 alla Frankie & Canthina Band che suonerà per circa un’ora per far scatenare i più giovani alle 01.30 con DJ Set  Paolo Pompei. 

Il comico Maurizio Battista intratterrà il pubblico dell’Auditorium della Conciliazione con il suo  “Click … Clock ….Clown – Il Capodanno che non ti aspetti”. Umorista verace, Battista prende in giro gli italiani e le loro debolezze. 

Nell’accogliente Sala Umberto, Francesco Pannofino ed Emanuela Rossi sono i protagonisti della commedia “I suoceri albanesi”. Lucio e Ginevra, nel rispetto dei valori per cui hanno lottato, predicano valori come: fratellanza, solidarietà e politica, cercando di trasmetterli alla figlia sedicenne Camilla. A causa di problemi alle tubature dei servizi igienici si rivolgeranno ad una ditta in cui lavorano due giovani albanesi. Sarà proprio questo incontro a dare vita alle situazioni in cui  si troveranno coinvolti i vari personaggi …

 Al Teatro dei Satiri Claudio Gnomus presenta la commedia: “Sette piani di ruvidezza .. e di risate”. Un condominio di sette piani e i suoi abitanti sono i protagonisti di divertenti storie di vita quotidiana. In cima al palazzo vivono personaggi surreali. Da qui si parte per voli pindarici verso il cielo.

Val d’Aosta: La leggenda del Lago Blu

In Val d’Aosta, vicino all’Alpe Giomein, si può ammirare una bellissima conca con fiori di rododendro e abeti. In mezzo a questa vegetazione c’è un Lago Blu, per la presenza di una sostanza minerale depositata sul fondale che conferisce il colore azzurro-blu alle sue acque.

La leggenda contrasta con la bellezza del paesaggio che offre ai suoi visitarori. In fondo al lago si possono vedere distintamente travi di legno piuttosto grandi, che fanno pensare ad un’abitazione inghiottita dalle acque.

Si narra infatti che proprio dove ora si trova il lago, ci fosse la casa di una coppia di pastori con un pessimo carattere. Una notte alla loro porta bussò un viaggiatore, ma la donna, sempre scontrosa con tutti, dopo averlo guardato, lo cacciò via il malo modo. Il figlio dei pastori, che era stato triste spettatore della scena, andò a prendere la scodella di latte destinata alla sua colazione del giorno seguente e la portò al viandante, ma i genitori subito la sostituirono con una ciotola di acqua putrida. Ferito per il trattamento ricevuto il passante pronunciò parole di cattivo presagio alla coppia, che non contenta, mandò il figlio a fare la legna nel bosco di notte, per punirlo di aver loro disobbedito.

Al suo ritorno il fanciullo, al posto della sua casa, trovò un lago. Subito capì che la gravità della condotta dei genitori aveva portato a questa tremenda punizione. Da quel giorno tutti i suoi discendenti accolsero con gentilezza ogni viandante che chiedeva loro cibo e ospitalità. 

 

 

 

Il fantasma di Adele vaga nella sede del Municipio di Catanzaro

Adele, la figlia del marchese De Nobili, era una ventenne che viveva con la madre e i suoi tre fratelli nel Palazzo paterno, sede dell’attuale Municipio di Catanzaro.

Innamorata di Saverio Marincola, era costretta a vederlo di nascosto perché le famiglie erano contrarie alla loro relazione per motivi politici. I due giovani però erano talmente legati che Saverio si recava sotto la finestra di Adele solo per vederla e scambiarsi promesse.

Una sera però uno dei fratelli della fanciulla, scoperta la relazione clandestina, affronta a duello Saverio che fugge. Adele viene rinchiusa nella sua stanza, ma il giovane, per farsi riconoscere dalla sua innamorata fa ferrare il suo cavallo con zoccoli d’argento, producendo un rumore che fosse per lei riconoscibile. Possono così vedersi ancora per alcuni mesi, fino a quando il Marincola viene ucciso da alcuni sconosciuti a colpi di carabina.

La magistratura però indaga e scopre che ad ucciderlo sono stati i fratelli di Adele, che per evitare la condanna scappano a Corfù. Annientata dal dolore per la perdita del suo amato, Adele decide di farsi suora nel convento delle “Murate Vive”.

Prosciolti dall’accusa di omicidio grazie ad alcune rivelazioni di interesse politico militare, il più piccolo dei fratelli tenta di farsi perdonare dalla sorella, che però rifiuta di incontrarlo. Adele trascorre la sua vita nella rabbia e nel rancore, per questo molti giurano di vedere il fantasma della sua anima dannata vagare nella casa paterna, per il desiderio e la speranza di incontrare ancora il suo Saverio.

Dal 1600 a Warhol : i maestri espongono il cibo a Brescia

Collegata al tema di Expo 2015 “Nutrire il pianeta, energia per la vita” l’Associazione Amici del Palazzo Martinengo, dal 24 di gennaio fino al 14 giugno 2015 offrirà al pubblico una mostra pittorica composta da 100 opere d’arte, in cui il cibo è protagonista assoluto.

Arte e cibo in un coniugio indissolubile. L’esposizione fornirà anche preziose informazioni scientifiche sugli ingredienti utilizzati nei secoli passati per la preparazione dei piatti raffigurati nelle tele.

Tra i pittori esposti De Chirico, Fontana, Manzoni, Salini, Tedeschini, Guercino, Campi e Brueghel. Il percorso pittorico, attraverso il cibo, non solo permetterà al visitatore attento di immergersi nei vari stili che si sono succeduti dal XVII secolo a quello da poco trascorso, ma anche di apprendere la cultura gastronomica delle varie epoche e di conoscere le pietanze della tradizione, di cui alcune ormai scomparse.

A Davide Cotti, assistito da un team di esperti, si deve la scelta delle opere maggiormente rappresentative, che sono state suddivise in 10 diverse sezioni dedicate: “L’allegoria dei cinque sensi”; “Mercati, dispense e cucine”; “La frutta”; “La verdura”; “Pesci e crostacei”;  “Selvaggina da pelo e da penne” ;”Carni, salumi e formaggi”; “Dolci vino e liquori”; “Tavole imbandite”; “Il cibo nell’arte del XX secolo”.

Ricotta fresca, fagioli, frutta, verdura, vino e cacciagione sono i soggetti preferiti di alcuni dei dipinti esposti, per passare ai simboli della società moderna come la Coca Cola o la Campbell Soup.

Diversità di stili, di abitudini e di sapori in una mostra che saprà soddisfare la vista e il palato. 

 

 

 

 

“Provaci ancora, Sam” da Broadway al Teatro della Gioventù di Genova

Al Teatro della Gioventù di Genova, sarà in scena per tutto il periodo delle festività fino a domenica 18 gennaio 2015 “Provaci ancora, Sam” uno dei film più famosi interpretati da Woody Allen, che ne ha curato la sceneggiatura, tratta dal testo teatrale sempre scritto da Allen, che lo ha anche interpretato a Broadway alla fine degli anni sessanta 453 volte insieme alla giovane e bravissima Diane Keaton.

Questa godibilissima commedia ambientata a San Francisco, racconta le disavventure amorose del goffo e ansioso critico cinematografico Allan Felix. Il testo è ricco di monologhi sferzanti, come nello stile del famoso attore e regista.

La trama è semplice: Allan viene lasciato dalla moglie Nancy e deluso dall’amore chiede aiuto a Dick, il suo amico del cuore, un giovane e brillante imprenditore felicemente sposato con la bella e dolcissima Linda.

All’inizio della storia la giovane coppia di amici si adopererà moltissimo per trovare una nuova anima gemella per Allan, ma gli impegni di lavoro di Dick ad un certo punto della storia costringono la giovane Linda a consolare ed aiutare il povero amico da sola. Per queste ragioni Linda e Allan inizieranno a trascorrere un sacco di tempo insieme, tra  incontri sbagliati ed altri annullati. Tante saranno le esperienze e le delusioni condivise, che tra i due amici sarà amore.

Personaggio chiave della commedia è Humprey Bogart, l’alter ego di Allan, che durante il film lo consiglierà sul comportamento da tenere per avere successo con le donne.

Il finale è da film, degno di un critico cinematografico.

 

 

Dal 17 al 21 gennaio Rimini Fiere ospita il Sigep

Esperti pasticceri, panificatori , gelatai, baristi e tutti coloro che lavorano o sono interessati al mondo dei dolci e del caffè sono invitati alla XXXVI edizione del Sigep “Salone internazionale gelateria, pasticceria e panificazione artigianale” presso la sede fieristica di Rimini.

Nei 4 giorni dedicati all’evento, si terranno diverse manifestazioni nell’ambito della pasticceria:  il “Campionato Mondiale della Pasticceria Juniores”; il “Festival delle Nazioni”, in cui si sfideranno, tra gli altri, pasticceri giapponesi, russi e brasiliani; “The star of sugar”, ovvero l’utilizzo dello zucchero  nelle decorazioni, che quest’anno hanno come tema la Ferrari, la Macchina e il Mito.

Dedicati alla gelateria invece saranno: “Sigep gelato d’oro”, in cui gareggeranno i migliori gelatai e bravissimi scultori di ghiaccio, mentre la “Scuola italiana di gelateria” offrirà un’esperienza sensoriale di degustazione a occhi chiusi, oltre alla presentazione di prodotti salutistici.

Gli amanti del caffè avranno l’occasione di farsi una vera e propria cultura su questa bevanda, partecipando al “Barista and Farmer”,  allo “Scae Educational” e al “Campionato Italiano Baristi Caffetteria”

Gli intenditori del cioccolato potranno assistere ad una gara avvincente nel corso del “Campionato italiano di cioccolateria” e potranno ammirare le creazioni dei famosi maestri Bettelli e Venier che si esprimeranno all’interno degli avvenimenti organizzati dalla Scuola Italiana di Gelateria. 

Per i panificatori e i pizzaioli un convegno sulle farine, un concorso internazionale del pane, un concorso della pizza del futuro e un talent show.

Aprite occhi, naso, bocca, cuore e mente per un’esperienza da vivere con tanta curiosità e senza sensi di colpa! 

 

Bianca Malaspina è ancora nel castello di Fosdinovo

Il comune medioevale di Fosdinovo, in provincia di Massa Carrara, è dominato dalla presenza del castello Malaspina, in cui sono stati trovati resti di ossa umane, che sembrano confermare la leggenda di Bianca Maria Aloisia Malaspina

Vissuta nel corso del XIII secolo la giovane nobildonna Bianca vive un amore sincero, ma clandestino, con lo stalliere del castello di famiglia. Il padre, noncurante dei desideri della figlia, la promette in sposa a un signore e cavaliere del posto. In preda alla disperazione Bianca si oppone alle nozze, ma il genitore, in preda alla rabbia per il disonore, la rinchiude nel convento vicino.

Bianca mal sopporta la vita monastica e continua ad avere incontri segreti con lo stalliere tanto che, scoperta, viene allontanata e rimandata al castello. Sulle cause dell’allontanamento una versione della storia sostiene che Bianca fosse addirittura incinta.

Nel paese e nei territori vicini tutti parlano dello scandalo. I genitori, feriti nell’orgoglio, fanno uccidere lo stalliere e a Bianca non viene riservata una sorte migliore. La giovane viene rinchiusa nelle segrete del castello e torturata per costringerla al pentimento, ma Bianca non è disposta a ripudiare i suoi sentimenti.

Il padre a quel punto, inferocito per i continui  affronti, fa incatenare Bianca e la fa murare viva assieme ad una cane, simbolo dell’amore fedele e ad un cinghiale, emblema della ribellione.

Da allora nella sala del trono è visibile una macchia di umidità raffigurante il viso di una donna e due macchie nere con le sembianze di un cane e di un cinghiale.

 

Come scegliere la flotta più adatta al vostro viaggio in crociera

Da ormai molti anni,  la crociera rappresenta una delle modalità di vacanza più ricercata. E’ però importante scegliere la flotta più adatta alle vostre esigenze, visto il grandissimo numero di navi a disposizione.

Tutte le flotte sono capaci di venire incontro a qualsiasi esigenza. Grazie ai tanti comfort presenti a bordo, la crociera diventa un’esperienza unica sia per le coppie, che per i gruppi di amici, i single e le famiglie. Sono concepite infatti come veri e propri villaggi a 5 stelle. Dispongono di ottimi ristoranti, di bar all’ultima moda, di discoteche, teatri, cinema, casinò, piano e lounge bar, saloni in cui trascorrere del tempo piacevole e fare nuove conoscenze. Per quanto riguarda il benessere, c’è solo l’imbarazzo della scelta: Spa attrezzate, piscine, solarium, saune ed idromassaggi sono solo alcuni esempi. Divertimento assicurato anche per i bimbi, con le tante attività di animazione e gli spazi interamente a loro dedicati. Non dimentichiamo poi le guide, esperte e preparate, che vi accompagneranno in ogni escursione.

Tra le flotte di maggiore pregio a livello internazionale, occupa un posto di spicco Costa Crociere. Sceglietela se volete una crociera elegante e ricca di comodità. Ad oggi, conta di 15 navi, che rappresentano ad hoc l’immagine dell’Italia. Le navi si distinguono in 3 classi: Classe Fantasia, Classe Musica e Classe Lirica. Per scoprire le meraviglie dei mari tropicali, perfetta la flotta di Royal Caribbean, che vanta la nave più grande del mondo, l’Allure of the Seas, dove è stato costruito il Central Park, il primo parco naturale a cielo aperto con oltre 12.000 piante vive. Crociera sofisticata ed elegante? Optate per la flotta di Celebrity Cruise. Qui, il primo Lawn Club, una distesa di erba che guarda il mare. Gli amanti dei viaggi lunghi e avventurosi sceglieranno la flotta di Norwegian Cruise, che vi porterà nei luoghi incantati del Nord.

Il Verdi di Firenze ospita – The best of musical –

Un fine anno all’insegna della musica con uno spettacolo che propone, in una sola volta, quattro dei più famosi musical americani, con la regia della sempre più brava Chiara Noschese. Il Teatro Verdi di Firenze, nelle serate del 30 e del 31 dicembre proporrà: “La bella e la Bestia”, “Mamma mia”, “La Febbre del sabato sera” e “Sister act”.

Le coreografie sono di Eleonora Lombardo, mentre la parte musicale è affidata alla supervisione di Simone Manfredini, che ha curato tutti e quattro i musical.

Con questo show musicale, interamente cantato e suonato dal vivo, si vuole rendere un tributo particolare ad alcune delle opere più famose del genere, che devono il loro successo alle meravigliose musiche degli Abba, dei Bee Gees e di Alan Menkel.

Sul palco prendono vita la dolcissima Bella e  il principe diventato “Bestia” per colpa di un incantesimo; la tenera Sophie alle prese con i preparativi del suo matrimonio e alla ricerca del padre, di cui la confusa madre Donna sembra non ricordare l’identità; il tormentato Tony Manero, commesso in un negozio di vernici con aspirazioni da ballerino, e infine la spassosa Suor Maria Claretta, cantante di casinò, che per sfuggire alle minacce di morte del suo ex amante, un ricettatore e trafficante di origini italiane, viene nascosta dalla polizia in un convento. Dopo le prime difficoltà di adattamento,  Suor Maria Claretta diventerà la nuova maestra di canto del coro, al quale darà nuova energia.

Il divertimento è garantito: sarà difficile stare fermi sulla poltrona.